Garante

In evidenza
Di

Difendere l’infanzia, il nostro futuro
Il Garante: “Fiducia nelle Istituzioni”

Era il 20 novembre 1989 quando l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite adottò la Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Ad oggi sono 193 i Paesi nel mondo che hanno ratificato la Convenzione, tra cui, nel 1991, l’Italia. Nonostante vi sia un generale consenso sull’importanza dei diritti dei più piccoli, ancora oggi molti bambini e adolescenti, anche nel nostro Paese sono vittime di violenze o abusi, soggetti a discriminazione ed emarginazione o costretti a vivere in co…

In evidenza
Di

Il Garante della privacy lancia l’allarme. Pisani (Portavoce Psi): «Sulle intercettazioni trovare equilibrio tra diritto di cronaca e dignità della persona»

Social network, telemarketing invasivo, tutela dei minori, cyber bullismo. E anche smartphone, tablet, intercettazioni. Sono queste le principali tematiche/problematiche che il Garante per la protezione dei dati personali – l’autorità amministrativa indipendente istituita dalla cosiddetta legge sulla privacy, la numero 675 del 31 dicembre 1996 – ha dovuto affrontare nel 2012, come viene rilevato nella relazione presentata ieri alla Camera dei Deputati dall’Autorità. 4mila richieste di…

Approfondimento
Di

Infanzia e adolescenza, il garante: «Fallite le politiche adottate sinora»

“Crescere insieme ai bambini e agli adolescenti fa diventare grande l’Italia”. Non è solo il titolo della seconda relazione annuale al Parlamento che l’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza ha elaborato e presentato oggi. È anche e soprattutto un’esortazione, un auspicio, perché di bambini si tende a parlare solo in casi estremi di pedofilia o matricidio. E non quando questi si ritrovano costretti a vivere vite permeate da gravi disagi e carenti della più elementare dignità. Il…

Approfondimento
Di

Napolitano lancia allarme carceri. Il garante: «La classe politica è rimasta inerme»

«Il prestigio e l’onore dell’Italia» dipendono anche dalla situazione penitenziaria del Paese. Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano durante la visita al carcere di San Vittore, esprimendo delusione per i tanti appelli rimasti lettera morta in merito al disastroso stato in cui versano le carceri italiane. Napolitano ha ricordato come sia compito del suo successore e del prossimo Parlamento quello di adempiere «all’impegno inderogabile» di rendere i penitenziari…

Società
Di

La Corte europea condanna l’Italia sulle carceri. Il Garante: «E’ un problema normativo»

Il sovraffollamento carcerario in Italia è di natura strutturale. Questa la sentenza di condanna, non inaspettata, emessa oggi dai giudici della Corte europea dei diritti umani. Un problema che va ben al di là del risarcimento disposto per i 7 detenuti che avevano presentato ricorso alla Corte riguardo le condizioni alle quali sono sottoposti nelle patrie galere. La magistratura di Strasburgo, infatti, ha emesso una sentenza di condanna per il trattamento inumano e degradante (violazione…