Premier

Approfondimento
Di

La lezione di Letta: prima ricompatta il Paese, adesso passa all’Europa

Prima ha ricompattato il Paese dandogli un governo, adesso invece è passato a ricucire le diverse anime europee. Il Presidente del Consiglio Enrico Letta ha ottenuto la fiducia del Parlamento in entrambe le Camere. A favore hanno votato Pd, Pdl, Scelta Civica, Cd, Psi, Svp, Gal. Contro Sel, Fdi e Movimento 5 Stelle. La Lega si e’ astenuta, ma al Senato l’astensione equivale a voto contrario. La prima mossa di Letta e’ stata quella di recarsi dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano…

In primo piano
Di

LA CAMERA SI FIDA DI LETTA: OGGI TOCCA AL SENATO

La Camera ha votato la fiducia al governo presieduto da Enrico Letta, con 453 si’ e 53 no. Gli astenuti sono stati 17. A favore della fiducia si sono dichiarati in aula i gruppi parlamentari di Pd, Pdl, Scelta civica e le componenti del Gruppo Misto Centro democratico, Psi e Movimento per gli Italiani all’Estero. La Lega ha preannunciato l’astensione. Mentre MoVimento Cinque Stelle, Sinistra Ecologia e Libertà e Fratelli di Italia hanno confermato il no, schierandosi all’opposizione. Il…

In primo piano
Di

LETTA DA’ IL VIA ALLE CONSULTAZIONI: LA “SFIDA DIFFICILE” DI FARE UN “GOVERNO DI SERVIZIO”

“Ho accettato l’incarico, una responsabilità che sento più forte della stessa capacità delle mie spalle. Il Paese ha bisogno di risposte, di misure urgenti per il lavoro e le riforme istituzionali. Serve un governo di servizio per il Paese”. Enrico Letta ha ricevuto un incarico pieno dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ed ha accettato con riserva. Riserva che scioglierà entro questa sera o al massimo venerdì mattina, una volta verificate le condizioni che lo hanno portato a…

In evidenza
Di

La scelta di Enrico Letta premier mette d’accordo tutti. Grillini a parte

A parte il prevedibile dissenso da parte del MoVimento5Stelle, l’accettazione di Enrico Letta a formare un nuovo esecutivo è stata accolta con favore dal mondo politico. L'”enfant prodige” del Pd ha spiegato che già a partire da domani inizierà le consultazioni, auspicando nel tempo più breve di sciogliere la riserva. Soddisfatti il leader dimissionario del Pd, Pier Luigi Bersani, il sindaco di Firenze Matteo Renzi e Giuliano Amato, lo sconfitto eccellente del duello finale consumatosi questa…

In primo piano
Di

ENRICO LETTA PREMIER: «FARO’ UN GOVERNO DI SERVIZIO E NON A OGNI COSTO»

Enrico Letta Premier

Enrico Letta accetta con riserva, come da prassi, l’incarico dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a formare un governo che il vicesegretario del Pd vorrebbe “di servizio al Paese” ma che lui non fara’ nascere “ad ogni costo” ma solo se ci sara’ convergenza per uno sforzo comune delle forze principali “per le riforme necessarie al paese”. Dopo aver accolto stamattina “con una sorpresa pari al senso di responsabilità” la notizia dell’incarico, l’enfant…

Politica
Di

Oscar Giannino si dimette da presidente di ‘Fare’, ma non da candidato premier

Si dimetterà? Non si dimetterà? A svelare l’arcano che da qualche ora tiene banco negli ambienti politici è stato lo stesso Oscar Giannino su twitter ieri, mentre era in corso la direzione del movimento. Il leader di Fare per fermare il declino ha cinguettato: “Dimissioni irrevocabili da presidente in Direzione. I danni su di me per inoffensive ma gravi balle private non devono nuocere a Fare”. Ma le dimissioni sono solo parziali perché Giannino, come ha spiegato il membro della direzione…

Approfondimento
Di

Elezioni politiche: Bersani, se io premier mi dimetterò da segretario Pd

In caso di vittoria alle prossime elezioni politiche, qualora dunque facesse il suo ingresso a Palazzo Chigi, si dimetterà da segretario del Pd. Parola di Pier Luigi Bersani che non ha intenzione di «fare due mestieri». Il leader democratico ha inoltre sottolineato che l’alleanza stretta dal centrosinistra è non solo con il leader di Sel, Nichi Vendola, ma anche con Bruno Tabacci, numero uno di “Centro democratico” e Riccardo Nencini, segretario nazionale Psi, con cui è previsto un incontro…

In evidenza
Di

Elezioni: politici in tv tra rischi e vantaggi. I guru del piccolo schermo dicono la loro

“Sono tutti smaliziatissimi, spettatori, conduttori e politici. Ormai nei talk è difficile vedere errori di comportamento, ingenuità, ma in questa campagna elettorale la vera difficoltà per i politici è di ‘adattarsi’ ai programmi in cui vanno. Ogni trasmissione, ogni rete, ha la sua storia, i suoi canoni, e per essere efficaci bisogna rispettarli”. Carlo Freccero, direttore di Rai4, riassume così le asprezze del ‘fronte televisivo’ per quanti corrono alle prossime elezioni politiche, leader…

Esteri
Di

Maroni rilancia sulla premiership: «Proponiamo Tremonti»

Dopo il trionfale annuncio del Cavaliere che aveva proclamato «Habemus papam» a seguito della firma, questa notte all’una e trenta, di un accordo tra Pdl e Lega, le negoziazioni tra Berlusconi e Maroni sembrano andare avanti a suon di dichiarazioni pubbliche. Una modalità che lascia pensare. «Ho firmato io e, per la Lega Nord, Roberto Maroni che sarà candidato in Lombardia, io sarò il leader dei moderati. Premier sarà da decidere ove vincessimo» aveva detto Berlusconi dopo aver siglato l’acco…