soprano

Territorio
Di

La modernità e l’inadeguatezza della Tosca di Giacomo Puccini

Non si può pensare a Tosca, che aprì il secolo ventesimo, senza andare al ricordo del pessimo giudizio di Malher, che era presente alla prima e non si diede ragione dell’opera a suo avviso colma di chiese, di preti e di campane. Il grande sinfonista tedesco, che amava più Leoncavallo e Giordano che il genio di Torre del Lago, doveva essere fuori di senno. Puccini apre con Tosca anche il nuovo secolo musicale. E l’autore già di Manon e di Bohème con Tosca compie un ulteriore passo avanti che ….