trasparenza

In evidenza
Di

Corte dei Conti, necessaria una riforma per l’8 per mille

Nel 1990 la Chiesa cattolica riceveva 200 milioni di lire. Nell’anno in corso è arrivata a toccare vette oltre il miliardo di euro. Questa e altre anomalie hanno fatto mettere sotto la lente della Corte dei Conti l’otto per mille, la quota di imposta, ricavata dall’Irpef che la Repubblica Italiana ripartisce – in base alle scelte dei contribuenti – fra lo Stato stesso e varie confessioni religiose (Chiesa cattolica, valdesi, comunità ebraiche, evangelici luterani e battisti, ortodossi …

Approfondimento
Di

“Mala-Lobby”, Nencini pioniere della regolamentazione lancia proposta di legge

Nel linguaggio anglosassone le “lobby” sono gruppi di pressione che cercano di esercitare la propria influenza sul potere politico al fine di curare i propri, legittimi, interessi. Un sale per la democrazia e una pratica esercitata, oltre che dai tradizionali attori economici, anche da organizzazioni di diritti umani e gruppi di cittadini accomunati da uno specifico interesse. Nulla di male, fino a quando tutto è alla luce del sole. Diverso è, invece, se gli strumenti di pressione diventano…

Economia
Di

M5s, alla faccia della trasparenza i grillini ne cacciano un altro per le sue opinioni su Fb

Prima “assunto” per le sue competenze professionali e poi “cacciato” per le sue opinioni personali. E’ la dura lex grillina, quell’abilità a distruggere più che costruire, quella passione per la caccia alle streghe, quella tendenza a vedere del marcio ovunque anche dove non c’è, confondere la trasparenza con l’ossessione per un controllo orwelliano che vieta qualsiasi opinione personale che diverga da quella del leader maximo. Perché fa fico, perché fare dietrofront a questo punto sarebbe un…

Approfondimento
Di

Il Dl Sanità incassa la fiducia: nuovi divieti di fumo, alcol e giochi per gli “under 18”

Nuove regole per la trasparenza e l’efficienza del Servizio sanitario, ma anche attenzione ai corretti stili di vita in particolare verso i più giovani con i nuovi divieti di fumo, alcol e giochi per gli “under 18”. Il decreto sanità incassa “con largo consenso”, come sottolinea il ministro Renato Balduzzi, il voto di fiducia (380 i sì) e il primo via libera da parte della Camera e ora passa al vaglio del Senato. Un via libera non senza critiche, tra le proteste delle opposizioni (Lega e Idv)…