domenica, 19 Settembre, 2021

Torino Jazz festival, si rialza il sipario

0

Oltre 150 musicisti per nove giorni di appuntamenti con 15 concerti, 4 conferenze e due mostre. Questi, in sintesi, i numeri della IX edizione del Torino Jazz Festival che si svolgerà dal 19 al 27 giugno prossimi.

In cartellone, che recupera in gran parte la programmazione del 2020 rinviata a causa del Covid-19, sono presenti grandi musicisti italiani e internazionali, artisti di ricerca e talenti piemontesi. I nove giorni di programmazione saranno, come sempre, ricchi di produzioni originali.

Diretta dai musicisti Giorgio Li Calzi e Diego Borotti, la rassegna jazz porterà grandi artisti italiani e internazionali a esibirsi, a prezzi popolari, sui palchi delle Officine Grandi Riparazioni, del Conservatorio Giuseppe Verdi e del Teatro Vittoria. Altri appuntamenti, Torino Jazz Meetings, dove si incontreranno gli operatori del settore, Jazz Talks e mostre fotografiche.

Il programma del Festival presenta Gianluca Petrella Cosmic Renaissance (sabato 19 giugno ore 17:30 e 21:00, Conservatorio Giuseppe Verdi); Erios Junior Jazz Orchestra Feat. Joan Chamorro (domenica 20 ore 15:00, Conservatorio Giuseppe Verdi, produzione originale Tjf); Luigi Martinale Quartet Guest Stefano “Cocco” Cantini + Classwing Ensemble + Pino Ninfa (domenica 20 ore 21:00, Conservatorio Giuseppe Verdi); Gianluigi Trovesi, Filarmonica Trt , Fabrizio Bosso “Berg Heim: una piccola Montagna Magica” (lunedì 21 ore 17:00 prova aperta e 21:00, Ogr, coproduzione Filarmonica Trt e Torino Jazz Festival); Robert Henke “Cbm 8032 AV” (martedì 22 ore 21:00, Ogr); Uri Caine, Furio Di Castri, Andy Sheppard “Five Visions” (mercoledì 23 ore 17:30, Conservatorio Giuseppe Verdi, produzione originale Tjf); Emanuele Cisi e Roberta Gambarini “No Eyes” (mercoledì 23 ore 21:00, Ogr, produzione originale Tjf); Biréli Lagrène & Charlier/Sourisse Multiquarium Big Band “Remember Jaco Pastorius” (giovedì 24 ore 17:30 e 21:00, Ogr, prima italiana); Donny Mccaslin Quartet Guest Gail Ann Dorsey “Bowie’s Blackstar” (venerdì 25, ore 17:30 e 21:00, Ogr, produzione originale Tjf); Nate Wood “four” (sabato 26 ore 11:30 e 15:00, Teatro Vittoria, prima italiana); Arto Lindsay And Band (sabato 26 ore 17:30, Ogr, unica data italiana); Zig Zag Power Trio Ft. Vernon Reid, Will Calhoun, & Melvin Gibbs (sabato 26 ore 21:00, Ogr), Roberto Dani “Solo” (domenica 27 ore 11:30 e 16:00, Teatro Vittoria); Salif Keita “Un Autre Blanc”, opening Korabeat (domenica 27 giugno ore 17:30 e 21:00, Ogr, unica data italiana).

Oltre ai concerti, il pubblico potrà seguire i Jazz Talks ai quali interverranno il filosofo ed esperto di teoria dell’evoluzione Telmo Pievani (20 giugno); Robert Henke, che dialogherà con l’artista e sound designer Giorgio Sancristoforo (21 giugno); il fotografo Guido Harari, che converserà con Stefano Salis, giornalista del Sole 24 Ore (26 giugno); il musicologo Stefano Zenni che racconterà la figura di Charlie Parker (27 giugno).

Ad arricchire il Festival anche i Torino Jazz Meeting: due giorni di convegni in streaming sul jazz che coinvolgeranno addetti ai lavori, i soci dell’Associazione Nazionale I-Jazz e il network degli operatori regionali coordinati da Piemonte Jazz.

“Jazz è Ricerca” è una mostra fotografica che espone nelle stazioni della metropolitana gli scatti di Massimo Forchino a sostegno della ricerca scientifica di Fondazione Ricerca Molinette. Le immagini scelte hanno l’obiettivo di esplorare il legame esistente tra i mondi solo apparentemente distanti della musica jazz e della ricerca scientifica.

Il collettivo The bounty killart ha realizzato due sculture per la campagna di comunicazione del Festival. Così come nell’improvvisazione jazz l’esecutore sceglie un brano ed elabora variazioni melodiche o armoniche, il gruppo creativo The bounty killart ha decostruito due sculture iconiche della storia dell’arte, il Discobolo di Mirone e la Paolina Borghese di Antonio Canova, e le ha ricomposte dando loro nuove forme e significati.

Durante il Festival, nello spazio espositivo di Camera – Centro Italiano per la Fotografia si potranno ammirare gli scatti di Lisette Model. Fra i tanti personaggi ritratti dall’artista sono esposti in mostra anche alcuni dei grandi nomi del Jazz. Seguendo questa suggestione, in occasione del Torino Jazz Festival, a Camera, dal 24 maggio, sarà possibile scaricare attraverso QR Code una playlist a tema jazz selezionata dai direttori artistici del Festival.

Il Torino Jazz Festival è un progetto della Città di Torino realizzato dalla Fondazione per la Cultura Torino, con il contributo di Fondazione Crt e Ogr Torino e A.N.Co.S., main partner Intesa Sanpaolo e Iren. Charity partner Fondazione Ricerca Molinette, media partner Rai Cultura, Rai 5, Rai Radio 3 e La Stampa.

Le sedi che ospiteranno il Festival sono: Camera – Centro Italiano per la Fotografia (via delle Rosine 18); Circolo dei lettori (via Bogino 9); Conservatorio Giuseppe Verdi (piazza Bodoni); Ogr (corso Castelfidardo 22); Oratorio di San Filippo Neri (via Maria Vittoria 5); Teatro Vittoria (via Antonio Gramsci 4).

I biglietti sono in vendita da mercoledì 26 maggio nella sede di Urban Lab, tjftickets@comune.torino.it, www.torinojazzfestival.it; www.vivaticket.it.

Antonio Salvatore Sassu

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply