venerdì, 16 Aprile, 2021

Torna Shel Shapiro dopo 20 anni di silenzio discografico

0

Con i suoi Rokes, negli anni ’60, è stato il pioniere della musica beat e rock in Italia. Anticonformista, spirito ribelle e da sempre voce fuori dal coro, Shel Shapiro torna sulla scena musicale dopo quasi vent’anni dall’ultimo album di inediti con “Non dipende da Dio”, il nuovo singolo uscito nei giorni scorsi che anticipa l’album di prossima uscita..

“Non dipende da Dio” è apparentemente un brano molto personale, introspettivo e autobiografico ma, in realtà, è una riflessione sul percorso della vita, la carriera e la crescita di tutti noi in generale, ponendo l’accento sul fatto che ognuno di noi è artefice del proprio destino.

Autore, arrangiatore e produttore ma anche attore di cinema, tv e teatro, Shel Shapiro è infatti un artista a 360 gradi, testimone e protagonista delle trasformazioni culturali dagli anni ’60 fino ad oggi.

“Non dipende da Dio” è disponibile anche in un esclusivo formato in vinile 45 giri ordinabile in versione autografata dall’artista al seguente link: www.azzurramusic.it/it/component/virtuemart/vi1014_non-dipende-da-dio

Shel Shapiro nasce in Gran Bretagna nel 1943 da una famiglia ebraica di origini russe. All’inizio della sua attività di musicista in Italia ha rappresentato con grandissimo successo la più efficace e credibile presenza “beat” nel panorama musicale nazionale. La sua musica è diventata colonna sonora di quella generazione e i suoi concerti, ancora oggi, riescono a catalizzare l’attenzione di un pubblico trasversale, dai “giovani” della beat generation anni sessanta alle nuove generazioni. Mia Martini, Patty Pravo, Gianni Morandi, Mina, Raffaella Carrá, Riccardo Cocciante, Ornella Vanoni, Paco De Lucia, Luca Barbarossa, Carlos Beneven, I Decibel ed Enrico Ruggeri, Bill Conti, Quincy Jones, Paul Buckmaster, Jose Luis Rodriguez: sono soli alcuni dei nomi con cui Shel ha avuto collaborazioni artistiche. Come attore ha recitato in progetti cinematografici e televisivi, tra cui spiccano: Rita, la figlia americana, regia di Piero Vivarelli (1965), Finalmente la felicità, regia di Leonardo Pieraccioni (2011), Tutte le strade portano a Roma (All Roads Lead to Rome), regia di Ella Lemhagen (2015), Ti presento Sofia, regia di Guido Chiesa (2018), Eldorado, regia di E. Galtafoni – film TV (2001), Capri 3 (2010) e Il restauratore 2, serie TV (2014).

 

 Andrea Malavolti

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply