martedì, 7 Dicembre, 2021

Vivienne Westwood festeggia dieci anni di moda etica

0

Nel 2020 Vivienne Westwood festeggia la decennale collaborazione con Ethical Fashion Initiative (Efi), iniziativa promossa dall’International Trade Center delle Nazioni Unite e dell’Organizzazione Mondiale del Commercio. La collaborazione della maison inglese con Efi attraverso il progetto ‘Artisan.Fashion’ fu la prima nel suo genere che ha permesso il coinvolgimento inizialmente di artigiani della baraccopoli di Kibera e, successivamente, provenienti da tutto il Kenya, il Nepal, il Burkina Faso e il Mali, allo scopo di fornire un flusso di lavoro sostenibile e costante al posto delle solite donazioni, spesso fini a se stesse.
Per celebrare l’anniversario gli artigiani kenioti hanno creato una mini capsule collection in edizione limitata. Una borsa e un cappellino in cotone rosso organico 100% africano su cui gli artigiani in Kenya hanno stampato a mano in bianco il manifesto culturale di Vivienne Westwood e la grafica ‘Mirror the World’ disegnata dall’ex regina del punk, come viene chiamata dagli anni ’70 quando era agli albori della sua carriera.
In questo decennio, ‘Artisan.Fashion’ ha collaborato con 28 gruppi di artigiani, assumendone oltre 2600 di cui il 78% sono donne, garantendo loro uno stipendio equo. In Kenya, Vivienne Westwood ha lavorato con diverse tecniche e materiali privilegiando quelli riciclati. Il progetto ha coinvolto tessitori di cashmere in Nepal, di cotone in Burkina Faso ed esperti in tinte naturali in Mali.
I lavoratori hanno potuto guadagnare attraverso il loro lavoro con un impatto diretto assai positivo sulla loro qualità di vita. Il riciclo di rifiuti è un elemento chiave del progetto che si concretizza con la realizzazione delle fodere in mitumba (termine africano per indicare i tessuti di seconda mano), i dettagli delle borse realizzati con materiali di scarto come metalli trovati nelle discariche e fusi per creare il logo del brand e i dettagli metallici.
“Abbiamo aderito al programma nel 2010, facendo borse, abbiamo organizzato corsi per migliorare le competenze attraverso il lavoro. Quando abbiamo iniziato nel progetto pilota erano coinvolte solo 30 persone. Ora, nel 2020, ci sono 2600 persone che sono state tolte da una condizione di estrema povertà. L’obiettivo è di garantire prodotti di alta qualità attraverso una rete di artigiani competenti. I prodotti su misura e realizzati a mano sono di moda. Vorrei davvero ringraziare Ethical Fashion Initiative e il team in Africa. È stata, e lo è tutt’ora, un’esperienza gratificante conoscere le opportunità che siamo in grado di dare alle persone e le borse che produciamo in Africa sono ancora le mie preferite”, ha dichiarato la stilista britannica.
Le numerose Ethical Africa bags della Westwood e la limited edition celebrativa sono in vendita presso tutte le boutique e sul sito del brand.

 

Andrea Malavolti

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply